Gateau di patate

0
170
Gateau di patate di mamma Rosa.

Il gateau di patate italianizzato gattò di patate, è uno sformato napoletano di origine francese. La ricetta arriva direttamente tra gli anni ‘700 e ‘800 dalla Francia e diretta a incontrare la tradizione culinaria di corte del Regno delle Due Sicilie.

Nel 1978, la dinastia Borbone incontrava quella Asburgo, grazie al matrimonio fra Ferdinando I e Maria Carolina e lo stesso avveniva per le cucine. La regina affidava la gestione delle pietanze a grandi cuochi: i monsieurs. Le famiglie aristocratiche napoletane prendendo spunto fecero lo stesso, chiamandoli monzù.

Iniziava così, la preparazione di piatti francesi realizzati con prodotti tipici napoletani dal sapore nuovo, tra questi c’è il gateau di patate. La ricetta che vi proponiamo è quella di mamma Rosa, nel tempo ha rielaborato le dosi e al palato è sempre una festa: provatela.

Durata: 50 min

Livello: FACILE

Dosi: 6 PERSONE

INGREDIENTI

1 kg di patate

1 mozzarella grande

50 gr parmigiano grattugiato

sale qb

pepe qb

2 uova

1 hg di prosciutto cotto (da tagliare a dadini)

qualche fiocco di burro

pangrattato qb

noce moscata

PROCEDIMENTO

Per confezionare il gateau di patate: prendete una ciotola grande e passate le patate nello schiacciapatate. Quindi aggiungere le uova, il parmigiano, la noce moscata, il sale e il pepe. Impastate con le mani, in modo da ottenere un composto sodo e morbido.

Mentre tagliate a fette la mozzarella e il prosciutto cotto a dadini.

Scegliete un tegame, imburratelo e spolveratelo con il pangrattato. Ora iniziate a distribuire metà dell’impasto, create uno strato di mozzerella e uno di prosciutto. Coprite con l’impasto rimasto.

Montate a neve una chiara d’uovo e spennellatela sulla superficie del gattò, cospargete il cielo con il pangrattato, in modo da ottenere a fine cottura una crosticina croccante uniforme.

Infornate a 180°C per circa 30 minuti.

Condividi i tuoi piatti, scarica la nostra App per iOS a questo link: http://bit.ly/eatopine

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here